Preghiera, gratitudine e riconoscenza per monsignor Dante Bernini

Amen! Vieni, Signore Gesù! (Ap. 22,20)
«Vieni, Signore Gesù», è la preghiera che in questi giorni più frequentemente affiorava sulle labbra di monsignor Dante Bernini. Questa mattina alle ore 4.15 il Padre di ogni consolazione ha esaudito l’invocazione del nostro Vescovo emerito, accogliendolo nella comunione dei Santi.
Siamo riconoscenti al Signore per il dono di questo Pastore e per la sua testimonianza di totale dedizione alla Chiesa in semplicità e mansuetudine. In questi mesi di malattia ha voluto che fosse appesa sull’armadio ai piedi del suo letto anche una cartina geografica della Diocesi di Albano per poterla vedere, diceva «Offro per la nostra Diocesi». Raccomandiamo all’amore misericordioso del Padre il nostro caro monsignor Dante Bernini che, siamo sicuri, continuerà la sua preghiera di intercessione per noi, Chiesa di Dio.
La camera ardente verrà allestita nel coro della Basilica Santuario Santa Maria della Quercia e sarà aperta dalle ore 10.30 di questa mattina e resterà aperta fino alle ore 13.00; poi sarà possibile visitare il feretro dalle ore 14.30 alle ore 19.30; domani mattina la Basilica sarà aperta dalle ore 8.00.
La liturgia esequiale verrà celebrata nella Basilica Santuario Santa Maria della Quercia sabato 28 settembre alle ore 14.30.
Nato a La Quercia, provincia e diocesi di Viterbo, il 20 aprile 1922 monsignor Dante Bernini è stato ordinato sacerdote il 12 agosto 1945. Eletto alla Chiesa titolare di Assidona il 30 ottobre 1971, ha ricevuto la consacrazione episcopale l’8 dicembre 1971 ed è stato vescovo ausiliare di Albano dal 1971 al 1975. Trasferito nella diocesi di Velletri Segni il 10 luglio 1975, è tornato ad Albano, quale vescovo della Diocesi Suburbicaria l’8 aprile 1982. È divenuto vescovo emerito il 13 novembre 1999. Nel corso del suo episcopato in Albano, ha celebrato un sinodo diocesano, il primo dopo il Concilio Vaticano II. Ha avuto come vescovo ausiliare Paolo Gillet (1993).

I commenti sono chiusi.